sabato
23 giugno 2018

08:20

Padova: Presentazione del libro “La grande storia in minute lettere”

Giovedì 28 giugno 2018 alle ore 18 in Sala Rossini dello Stabilimento Pedrocchi, piazzetta Pedrocchi 8 a Padova, Francesco Jori presenta il libro La grande storia in minute lettere (Valentina Editrice) di Maria Luisa Daniele Toffanin e Massimo Toffanin. Saluti dell’Assessore alla Cultura Andrea Colasio. Saranno presenti gli autori.

L’amore di una famiglia nel buio della guerra: la vicenda di Gino, Internato Militare Italiano, narrata attraverso la corrispondenza con la moglie Lia.

Per ricostruirne la vicenza, gli autori hanno vagliato e selezionato i passaggi più significativi delle seicento lettere intercorse tra i due protagonisti, Gino e Lia, nell’arco di una decina d’anni, dalla fase matura del fascismo alla seconda guerra mondiale. Un periodo storico cruciale riletto attraverso gli occhi e il cuore di due “persone qualunque”, che ci aiutano a meglio comprendere il costo umano del conflitto anche in termini affettivi ed emotivi. Gino, poco dopo il matrimonio e la nascita della figlia Marisa, è costretto a intraprendere un lunghissimo e tormentato viaggio. Inizialmente sopportabile, in una Grecia risparmiata dal fuoco; molto più duro dopo l’8 settembre 1943, trasferito da un campo di prigionia all’altro, in Polonia e in Germania, condividendo in destino di moltissimi internati militari e potendo ritornare a casa, ad ostilità finite, non prima di numerosi mesi. Nelle missive si trovano gioia e disperazione, speranze e delusioni, condivisione e solitudine frammiste alle incomprensioni dovute alla lontananza, ai disguidi postali, alla censura. Tutto si concluderà per il meglio e la vita familiare potrà riprendere, ma non sarà un semplice “lieto fine”.

«Il libro suscita tenerezza, partecipazione e solidarietà, ma va letto come il testamento spirituale di due persone la cui vita è stata avvelenata da una lunga stagione in cui qualsiasi futuro sembrava negato. Eppure sono riuscite ad uscirne e, come tutte le eredità, pure questa vincola chi ne beneficia a non lasciarla deperire: chiede, sollecita, pretende un forte impegno per costruire ogni giorno la pace. L’intenso, drammatico, sofferto vissuto di Lia e di Gino diventa in tal senso un messaggio forte di stretta attualità, in un tempo segnato da una miriade di grandi e piccoli conflitti politici, economici, sociali. Un invito a voler bene alla pace, certo, ma anche un’esortazione a non deporre mai la speranza» (dall’introduzione di Francesco Jori).

Maria Luisa Daniele Toffanin, autrice di numerosi libri di poesia (tra cui FragmentaE ci sono angeli e Florilegi femminili controvento) e di prosa (I luoghi di Sebastiano con Massimo Toffanin), ha conseguito numerosi premi e consensi. Collabora con diverse riviste come critica e con il CILM dell’Università di Udine. Le sue poesie figurano anche in antologie internazionali. Ex docente, promuove iniziative culturali nell’ambito dell’Associazione Levi-Montalcini e dà vita ad incontri letterari del Cenacolo di Poesia di Praglia. Ha curato con Mario Richter gli atti del convegno da lei organizzato Il sacro e altro nella poesia di Andrea Zanzotto.

Massimo Toffanin, ex funzionaio di banca, si dedica a ricerche di storia contemporanea. Socio fondatore e presidente del Centro studi on. Sebastiano Schiavon, ha organizzato vari eventi, in particolare mostre fotografiche, convegni e concerti di musica relativi alla prima guerra mondiale. Ha curato diversi quaderni di storia e ha pubblicato saggi biografici tra cui Sebastiano Schiavon lo strapazzasiori (2006) ed altri e, con Maria Luisa, il romanzo I luoghi di Sebastiano.

Ingresso libero fino ad esaurimento dei posti disponibili.

Lascia un commento

Inserisci per primo un commento

avatar
  Subscribe  
Avvisami