venerdì
20 ottobre 2017

10:41

La bolla delle criptomonete

di Luigi Pandolfi

L’avevano data per spacciata, un paio d’anni fa. Oggi, però, sembra rinsavita. Parliamo della criptomoneta (moneta solo virtuale), che in principio fu il Bitcoin. Oggetto misterioso per i più, per alcuni è stato l’avverarsi di un sogno tra i più arditi, tra i più accarezzati dacché esiste la società e l’economia: poter battere moneta in proprio, aggirando il monopolio statale, facendo a meno di banche ed altri intermediari per le proprie transazioni. Una vera moneta “democratica”, scambiata tramite una rete paritaria (peer-to-peer) composta da tanti computer collegati tra di loro (nodi), concepita, teoricamente, per circolare e non per essere tesaurizzata.

Facile a dirsi. Invero, la produzione da sé di criptomoneta, che evoca metaforicamente il lavoro di estrazione nelle miniere (mining), non è certo un gioco da ragazzi, alla portata dei comuni mortali. Molto in sintesi: con cadenza regolare, un algoritmo sforna una serie di scritture cifrate, che si trasformeranno in soldi solo dopo essere state decrittate. Inutile dire che tali operazioni richiedono un’elevata potenza di calcolo, quindi hardware di grosse dimensioni in grado di svilupparla (una risposta sono i pool di “minatori”, più computer che si mettono insieme per aumentare la capacità di calcolo). Più facile acquistarla, scambiandola con la propria moneta. Ci sono apposite piattaforme per questo, basta solo aprire un portafoglio virtuale (wallet), sul quale riceverla. E da cui, ovviamente, possono essere fatti partire i pagamenti, visto che con essa si possono fare acquisti presso negozi online o fisici che l’accettano come mezzo di pagamento (l’Italia è al decimo posto nel mondo), ma anche – e soprattutto, attualmente – attività speculative (forte volatilità).

Ma perché, dopo un certo interesse iniziale (il Bitcoin nasce nel 2009), sembrava che la storia di queste monete virtuali fosse già giunta al capolinea? Essenzialmente, per la mancata espansione sul mercato della sua funzione (come mezzo di pagamento), per il crescente controllo della stessa da parte di piccoli gruppi, per varie difficoltà tecniche legate alla gestione degli ipertrofici flussi di informazione, per il suo utilizzo a fini illeciti (riciclaggio, evasione fiscale, commercio internazionale di armi, ecc.).

Poi arriva la svolta. Dall’inizio di quest’anno il Bitcoin ha più che raddoppiato (+150%) il suo valore, passando da 900 dollari a oltre 2700 (a giugno il picco di 3000 dollari). Meglio ancora la concorrenza, Ethereum, la criptovaluta creata nel 2014 dal giovanissimo programmatore russo Vitalik Buterin, rivolta essenzialmente alle transazioni tra imprese: il primo gennaio un Ethereum (ETH) era scambiato a poco più di otto dollari, mentre oggi di biglietti verdi ce ne voglio più di 200, ancorché significative siano le sue oscillazioni di prezzo da un giorno all’altro, ovvero nell’arco di pochi secondi. Che dire, poi, della nuova arrivata, il Bitcoin cash? Nata da una scissione in seno agli sviluppatori del Bitcoin pochi giorni fa (lo scorso 31 luglio), la sua quotazione supera oggi già i 400 dollari.

A cosa è dovuta questa nuova attenzione verso le criptovalute? Giocano fattori contingenti ed altri di più lungo respiro. Tra i primi, alcuni cambiamenti di scenario politico, dalla Brexit alle elezioni americane. Sono stati molti gli investitori internazionali, infatti, che in questi mesi hanno scelto alcune criptovalute come beni rifugio, in attesa che la situazione si stabilizzi. Grandi acquirenti i cinesi, che nel Bitcoin hanno trovato la risposta alla svalutazione dello yuan, dopo la vittoria di Trump e il conseguente apprezzamento del dollaro. In prospettiva, malgrado le censure ufficiali delle autorità politiche e della stessa Banca centrale, si sussurra che i cinesi pensino al Bitcoin come ad una moneta globale non soggetta all’influenza del potere americano. Un’idea balenata con ogni probabilità anche nella testa di Putin, che, proprio recentemente, ha incontrato il suo talentuoso concittadino, il padre di Ethereum, per valutare insieme come la criptomoneta potrebbe risultare utile all’economia russa. Criptomoneta, economia e geopolitica.

Sta di fatto che oggi un Bitcoin vale più di un’oncia d’oro, circa mille dollari in più. E già si parla di “nuovo oro”, con previsioni fantasmagoriche per il futuro: un Bitcoin a 55 mila dollari entro il 2022 (+2200%). Cifre da capogiro, aspettative in rialzo, una bolla che cresce. Pericolo? Per adesso, stando ai volumi in circolazione (i Bitcoin sono 16 milioni, per un valore di circa 40 miliardi di dollari), non si direbbe. Tutto potrebbe cambiare a seguito di un’espansione del mercato e delle decisioni dei governi e delle banche, che potrebbero infine sdoganare questa forma di moneta, quale asset per fondi di investimento e come riserva di valore (anche per le banche stesse). Resta un dubbio: quanta criptovaluta costituisce il sottostante di contratti derivati che si scambiano sul mercato? Non è una domanda peregrina: anche da ciò dipende il potenziale di infezione di un’eventuale scoppio della bolla.

Lascia un commento

Inserisci per primo un commento

Avvisami
avatar
wpDiscuz