domenica
28 maggio 2017

00:14

Salute&Benessere

Cure di fine vita: una matassa da sbrogliare

Ha suscitato viva impressione la morte, pochi giorni fa, di un malato oncologico terminale presso un Pronto Soccorso di Roma. Nei giorni a seguire vari pareri sono stati espressi da più parti. Il ministro della Salute ha deciso di mandare gli ispettori per analizzare lo svolgersi dei fatti. Il primo sentimento che si sente dentro è la pena e la famiglia merita la solidarietà più vera e condivisa. Purtroppo questo episodio ha portato alla luce ancora una volta la scarsa organizzazione nella rete delle cure del fine vita. In un’epoca di razionalizzazioni, dove la sanità è sempre più controllata e minuziosamente programmata, appare chiaro che salvo poche felici realtà locali, l’assistenza territoriale non è organizzata al punto tale da scongiurare…Vai →