mercoledì
13 dicembre 2017

23:19

Subito 1 milione di euro a Vicenza per il progetto “Mobilitate-VI”

Lo ha annunciato il ministro dell’Ambiente Galletti all’assemblea Anci

Il milione di euro assegnato dal Governo al progetto “Mobilitate-VI” del Comune di Vicenza sugli spostamenti casa-scuola e casa-lavoro arriverà a brevissimo.

Lo ha annunciato oggi Gianluca Galletti, ministro dell’Ambiente e della tutela del territorio e del mare, accolto dal sindaco Achille Variati al convegno “Salviamo la terra”, nell’ambito della XXXIV assemblea annuale dell’Anci, in Fiera a Vicenza.

Il ministro ha annunciato di aver dato il via libera, ieri, al finanziamento di 40 progetti di mobilità sostenibile, per complessivi 35 milioni di euro.

Fra i primi di questi Galletti ha sottolineato la presenza del progetto di Vicenza, premiato con il cofinanziamento massimo erogabile di 1 milione di euro.

Il progetto sperimentale di mobilità sostenibile casa-scuola e casa-lavoro “Mobilitate-VI” ha un importo complessivo di 2.847.500 euro ed è stato redatto dal Comune di Vicenza, in qualità di soggetto capofila, con i Comuni di Dueville, Grisignano di Zocco, Quinto Vicentino, Torri di Quartesolo.

Prevede una quota di cofinanziamento del Comune di Vicenza pari a 1.567.500 euro, del Comune di Dueville pari a 250 mila euro e del Comune di Grisignano di Zocco pari a 30 mila euro.

Nella graduatoria predisposta dalla commissione tecnica ministeriale il progetto si è classificato all’8° posto su 114 partecipanti, con 52,14 punti.

Il progetto di Vicenza ha l’obiettivo principale di incentivare iniziative strutturali di mobilità sostenibile per favorire gli spostamenti casa-scuola e casa-lavoro con mezzi di trasporto sostenibili, in linea con gli obiettivi nazionali e comunitari di riduzione delle emissioni di gas serra derivanti dal settore dei trasporti, e riguarda un bacino complessivo di quasi 150 mila abitanti.

Prevede, in particolare, azioni da adottare in sede locale che abbiano come finalità la diminuzione del numero di autoveicoli privati in circolazione, favorendone la sostituzione con mobilità ciclistica o pedonale, il trasporto pubblico locale e l’uso condiviso e multiplo dell’automobile, allo scopo di ridurre il traffico e l’inquinamento.

Nello specifico, sono quattro le principali aree di intervento: il pendolarismo su Vicenza, per motivi di studio o di lavoro, dai territori periferici dell’area urbana vicentina; gli spostamenti casa-lavoro sia nel settore pubblico, con sperimentazioni che riguardano i dipendenti del Comune di Vicenza, dell’ex Ulss 6, della Provincia di Vicenza e di alcuni istituti scolastici, che nel settore privato, con il coinvolgimento di alcune aziende situate nell’area industriale della città; gli spostamenti casa-scuola nelle scuole secondarie di secondo grado, in particolare con interventi nell’area della “Cittadella degli Studi”; infine, gli spostamenti casa-scuola con la previsione di una serie di azioni diffuse negli istituti primari e secondari di primo grado.

Al progetto partecipano, in qualità di partner pubblici, la Provincia di Vicenza, l’ex Ulss 6 Vicenza, la Società Vicentina Trasporti srl, gli istituti scolastici della Cittadella degli Studi (Boscardin, Canova, Da Schio, Montagna, San Gaetano e Centro Edile Palladio) e l’ufficio scolastico provinciale.

I partner privati selezionati a seguito di un avviso pubblico di manifestazione di interesse sono COOP Alleanza 3.0 società cooperativa, Associazione Euromobility, Mventicinque società cooperativa sociale, associazione di promozione sociale Cicletica, associazione Fiab Vicenza Tuttinbici, start up “Lock Around

Lascia un commento

Inserisci per primo un commento

Avvisami
avatar
wpDiscuz