sabato
21 ottobre 2017

05:05

Il referendum truffa della Lega a spese degli italiani

di Luigi Pandolfi

C’è poco da fare: nonostante la svolta “italica” di Salvini, il vizio di giocare con i cittadini del Nord la Lega non lo perde mai. È nel suo Dna. L’ultima trovata (in Veneto, a dire il vero, c’avevano già provato qualche anno fa) è il referendum “consultivo” in programma per il prossimo 22 ottobre. Una roba da ridere, se non fosse che costerà milioni e milioni di euro all’erario.

In un articolo apparso sul Tempo alcuni giorni fa a firma di Dario Martini, si parlava di un costo complessivo – tra le due regioni – pari a 64 milioni di euro, di cui ben 22 sarebbero serviti per comprare 24 mila tablet per il voto elettronico in Lombardia (916 euro a pezzo).

Soldi spesi inutilmente, per chiedere ai cittadini della Lombardia e del Veneto se sono d’accordo acché le loro regioni negozino con il governo centrale una maggiore autonomia su alcune materie di legislazione concorrente e su altre di esclusiva competenza statale (giudici di pace, istruzione, ambiente). Un’opzione prevista dalla Costituzione, che non prevede, tuttavia, alcun referendum, ma, semplicemente, l’ “iniziativa della Regione interessata, sentiti gli enti locali”, e, infine, una legge che le Camere dovranno approvare a maggioranza assoluta dei componenti.

Ma che significa “materie di legislazione concorrente”? Che già oggi, per queste materie, “spetta alle Regioni la potestà legislativa, salvo che per la determinazione dei princìpi fondamentali, riservata alla legislazione dello Stato”. Ergo: su tutta una serie di materie, dalla sicurezza sul lavoro all’energia, dal governo del territorio ai porti (e agli aeroporti), passando per le casse di risparmio, la protezione civile e la valorizzazione dei beni culturali, già oggi le regioni decidono e legiferano, sebbene nel rispetto dei principi fondamentali dell’ordinamento.

A rendere maggiormente irritante questa farsa sono i quesiti proposti agli elettori, nei quali non c’è nessun accenno alla materie su cui queste regioni chiederebbero l’autonomia. In Veneto, addirittura, gli elettori saranno chiamati a esprimersi sul seguente quesito: “Vuoi che alla Regione del Veneto siano attribuite forme e condizioni particolari di autonomia?”. Più o meno come chiedere a un bambino se vuole bene a mamma e papà. Nessuna meraviglia, beninteso: nel 2012 il governatore Zaia, per farsi dire che un referendum sull’indipendenza del Veneto era inammissibile (ai sensi dell’art. 5 della Costituzione), si rivolse all’Avvocatura regionale, che, manco a farlo apposta (sic!), pronunciò un secco no.

È il federalismo fiscale? Le magiche risorse che dovrebbero rimanere sul territorio? Macché, tra tutte le “chiamate” dell’articolo 117 il fisco non c’è. Autonomia sì, ma con i soldi di Roma. Non va dimenticato, peraltro, che, nel 2015, la Corte costituzionale aveva già censurato la norma contenuta nella legge n.15/2014 della Regione Veneto (quella relativa al referendum consultivo per l’autonomia), laddove si prospettava che la Regione mantenesse “almeno l’ottanta per cento dei tributi riscossi nel territorio regionale”, con la motivazione che la “distrazione di una cospicua percentuale dalla finanza pubblica generale” avrebbe alterato gli equilibri della stessa e i “legami di solidarietà tra la popolazione regionale e il resto della Repubblica”. Capitolo chiuso.

Sul piano formale, quindi, questo referendum è una farsa. Sul piano politico, come è stato riconosciuto da più parti, esso costituisce un mezzo attraverso il quale la Lega nazionalista cerca di rinsaldare il suo rapporto col Nord, recuperando, a pochi mesi dalle elezioni politiche (e a spese dei cittadini), il vecchio argomento dell’autonomia, su cui ha campato per oltre un ventennio.

Com’è accaduto in passato – c’è stato un periodo in cui bisognava per forza dirsi “federalisti” -, anche questa volta, la legittimazione arriva dagli “avversari”. Sindaci, amministratori, dirigenti locali del Pd che si affannano a dichiararsi per il Sì. Un sostegno ufficiale al referendum arriva, invece, dal Movimento 5 Stelle, che, in questo caso, pensa pure (e dichiara) che i soldi pubblici siano spesi bene (“I soldi spesi per interpellare i cittadini non sono mai uno spreco”). Piccoli e meschini calcoli di bottega, ipocrisia a gogò.

Al fondo, problemi atavici di un Paese che, a furia di soffiare sul fuoco degli egoismi, complici stagnazione e disagio sociale, rischia la bancarotta (fraudolenta).

Lascia un commento

Inserisci per primo un commento

Avvisami
avatar
wpDiscuz