lunedì
11 dicembre 2017

21:56

Poste Italiane: No a nuove chiusure

Positiva l’audizione con la nuova governante. Crivellari (PD): “Ora rivedere la consegna a giorni alterni”

Questa settimana il nuovo Amministratore delegato di Poste Italia Spa Matteo Del Fante è stato audito dalle Commissioni riunite Ambiente e Trasporti della Camera dei Deputati in merito alla situazione del gruppo e della rete degli uffici postali, alla luce delle disposizioni relative ai servizi postali nei piccoli comuni che prevede la legge sui piccoli Comuni approvata di recente (articolo 9 della legge 6 ottobre 2017, n. 158). Così l’on. Diego Crivellari, membro della Commissione Trasporti della Camera, a margine dell’audizione: “Del Fante, nel delineare il quadro complessivo e i numeri dell’azienda (33 milioni di clienti, con oltre due milioni e mezzo di operazioni al giorno) ha escluso ulteriori chiusure e rimodulazioni orarie di uffici postali nei Comuni con popolazione minore di 5.000 abitanti. Noi avevamo già evidenziato, nelle scorse settimane, l’esigenza di aprire una fase diversa nel rapporto tra i territori e l’azienda: le garanzie portate in sede parlamentare dall’amministratore delegato paiono fortunatamente preludere all’avvio di una nuova stagione, che potrà lasciarsi alle spalle un periodo di gravi incertezze e di disservizi i cui effetti si sono scaricati troppo spesso su cittadini ed enti locali. L’effetto della nuova legge sui Piccoli Comuni – prosegue Crivellari – ha già dato una prima importante prova della sua validità: le chiusure di uffici postali e le riduzioni del servizio non fanno più parte del Piano Industriale trasmesso dall’azienda all’Agcom. Adesso dobbiamo riuscire mettere in primo piano le potenzialità di un sistema così capillare e importante: i servizi connessi con l’arrivo della banda larga, il nuovo Piano Nazionale della logistica, i servizi di cittadinanza innovativi che potranno essere erogati sfruttando la presenza di Poste Italiane in tutto il territorio nazionale con i sui 12.822 uffici postali, magari partendo dalle tesorerie comunali che oggi non fanno più parte del business delle banche e degli istituti di credito e che potranno essere affidati all’azienda creando nuovi spazi di presenza della medesima sui territori. Chiederemo infine all’azienda di poter rivedere la consegna a giorni alterni e di valutarne obiettivamente l’impatto sul servizio e sui territori”.

Lascia un commento

Inserisci per primo un commento

Avvisami
avatar
wpDiscuz