sabato
23 giugno 2018

08:21

Aquarius: “Obbligo di dirigersi a Valencia segna un precedente mortale”

Nave “Aquarius”, Amnesty International: “Obbligo di dirigersi a Valencia compromette il sistema di ricerca e soccorso in mare e segna un precedente mortale”

Nel momento in cui la nave “Aquarius” dell’organizzazione non governativa Sos Mediterranee fa rotta verso il porto spagnolo di Valencia, la ricercatrice di Amnesty International sull’Italia Elisa De Pieri ha rilasciato questa dichiarazione:

“Chiudendo i loro porti, i governi italiano e maltese hanno aggirato il principio del soccorso in mare e pregiudicato l’intero sistema di ricerca e soccorso. Se le cose proseguiranno in questo modo, l’azione di vitale importanza delle Ong verrà scoraggiata e compromessa e migliaia di migranti e rifugiati saranno lasciati alla deriva nel Mediterraneo”.

“L’offerta del governo spagnolo di accogliere la nave ‘Aquarius’, se da un lato è un commovente esempio di solidarietà, dall’altro mette in evidenza la calcolata insensibilità delle autorità italiane e maltesi. Siamo di fronte a un precedente che inevitabilmente costerà vite umane”.

Il Consiglio europeo di fine giugno potrà offrire all’Italia l’occasione per contestare le normative vigenti in Europa in materia d’asilo.

Lascia un commento

Inserisci per primo un commento

avatar
  Subscribe  
Avvisami