martedì
25 aprile 2017

14:23

L’opinione

M5S, per vedere di nascosto l’effetto che fa

di Emanuele Bellato Ai ballottaggi per le elezioni amministrative nei grandi comuni i Cinquestelle conquistano Roma e Torino, mentre al PD vanno Milano e Bologna. La vittoria schiacciante di Virginia Raggi con il 67,15% contro il 32,85% raccolto da Roberto Giachetti è sicuramente il dato più interessante di queste elezioni. La candidata del M5S sarà la prima donna sindaco della Capitale. I grillini chiedevano di essere messi alla prova e sono stati accontentati. D’ora in poi non avranno più alibi e Roma sarà un banco di prova che dirà molto sulle ambizioni pentastellate di governo nazionale. Finora, ad essere obiettivi, tra espulsioni, scomuniche, difficoltà e qualche indagato, le 5 stelle non hanno particolarmente brillato dove suoi esponenti sono stati eletti…Vai →

Omicidio politico. Cui prodest?

di Emanuele Bellato L’omicidio politico non è una novità dei nostri tempi. Dall’uccisione di Giulio Cesare a quella di Jo Cox sono scorsi fiumi di sangue. Senza andare troppo indietro nel tempo ricordiamo l’assassinio nel 1914 dell’Arciduca Francesco Ferdinando, erede al trono d’Austria, e di sua moglie Sofia, per mano del nazionalista serbo-bosniaco Gavrilo Princip. L’attentato di Sarajevo accese (…o fu la scusa per accendere) la miccia del primo conflitto mondiale. Qualche anno dopo, nel 1924, questa volta in Italia, fu ucciso da sicari fascisti il deputato socialista Giacomo Matteotti. Il potere di Mussolini traballò, ma grazie alle divisioni e all’evanescenza delle opposizioni già l’anno seguente, dopo essersi assunto la paternità morale dell’omicidio, il duce instaurò il regime. Proseguendo la…Vai →

Sempre e per sempre

Emanuele Bellato e la Redazione “Il Popolo Veneto” cambia “vestito”, ma non l’anima. Siamo sempre gli stessi e, citando De Gregori, sempre e per sempre dalla stessa parte ci troverete; la parte degli ultimi, dei senza voce, degli sfruttati, delle donne e dei bambini vittime della violenza, degli anziani e dei malati dimenticati, dei disabili, dalla parte dei diritti umani e della tutela dell’ambiente. Per queste ragioni il nostro primo pensiero va alle vittime della strage di Orlando (Florida), in un locale frequentato dalla comunità gay. Si contano 50 vittime e 53 feriti, un tragico bilancio che vale il triste primato della strage più grave, provocata con armi da fuoco, della storia americana. Movente terrorista od omofobo? Forse entrambi. Di…Vai →