lunedì
12 novembre 2018

19:32

L’Isola dei Musei

Cinque luoghi da visitare quest’estate

Forse non tutti lo sanno ma a ridosso della Pedemontana del Grappa è racchiuso un millennio di evoluzione artistica, architettonica e storica. Cinque straordinari luoghi che racchiudono un patrimonio inestimabile di opere d’arte.

Acquistando il biglietto intero presso uno dei cinque musei si acquisisce per un anno il diritto ad un ingresso ridotto negli altri quattro. 

Scopriamoli assieme!


Villa di Maser

Capolavoro di Andrea Palladio, Paolo Veronese e Alessandro Vittoria, la Villa di Maser, conosciuta anche come Villa Barbaro, è monumento Patrimonio dell’Umanità UNESCO e costituisce uno degli esempi più splendidi della civiltà di Venezia del XVI secolo.

www.villadimaser.it


Museo Civico di Asolo

Il Museo Civico di Asolo, collocato nel Palazzo della Ragione, presenta una ricca sezione archeologica, una preziosa pinacoteca con opere di Luca Giordano, Bernardo Bellotto, Antonio Canova, una sezione dedicata al Tesoro della Cattedrale ed infine tre sale dedicate a tre donne straordinarie: la Regina Caterina Cornaro, la Divina del Teatro Internazionale Eleonora Duse e la viaggiatrice e scrittrice inglese Freya Stark.

www.museoasolo.it


Villa Emo

Costruita tra il 1557 ed il 1560 su commissione di Leonardo Emo, Villa Emo è considerata una delle più belle ville palladiane, soprattutto perché riunisce in un’unità lineare casa dominicale, barchesse e colombare, in una sintesi architettonica mai vista prima. La composizione del complesso è essenziale, di maestosa semplicità, riconducibile a precise simmetrie e a proporzioni matematiche.

www.villaemo.org


Museo Casa Giorgione

Museo Casa Giorgione presenta un itinerario espositivo di grande suggestione che accompagna il visitatore alla scoperta del volto enigmatico del pittore e della cultura del suo tempo, in particolare illustrando con preziosi reperti museali e tecnologie multimediali le due opere castellane del pittore.

www.museocasagiorgione.it


Gypsotheca e Museo Antonio Canova

L’eredità artistica dello scultore è custodita integralmente nel complesso canoviano costituito dalla Casa Natale, che conserva i suoi dipinti, e dalla Gypsotheca costruita appositamente nel 1836 per volere del fratello Giambattista Sartori Canova ed ampliata nel 1957 dall’architetto veneziano Carlo Scarpa.

www.museocanova.it


Quest’estate cogli l’occasione per visitare l’Isola dei Musei!

Lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Avvisami