domenica
16 dicembre 2018

12:48

Bondeno: Carlo Tassi. Work in progress. L’archivio, le opere, lo studio

Bondeno Sabato 1 Dicembre 2018

“Se nasco che sono un bambino e con gli anni divento un uomo lascio una grande traccia di me” (Carlo Tassi)

Sabato 1 dicembre a Bondeno un triplo evento dedicato al pittore e scultore bondenese Carlo Tassi (Bondeno 1933 – Ferrara 2011) nel settimo anniversario della scomparsa.

Il primo appuntamento è in programma alle ore 14 con l’inaugurazione di una targa, in via Botte Panaro, sulla casa che è stata studio dell’artista.

Si prosegue alle 15 presso la Residenza Municipale con una tavola rotonda dedicata alla riscoperta dell’artista e alla presentazione al pubblico del progetto Archivio Carlo Tassi, nato nel 2015, con l’obiettivo di promuovere, catalogare e tutelare la produzione artistica del Maestro. Intervengono il Sindaco di Bondeno Fabio Bergamini, l’assessore alla cultura Francesca Aria Poltronieri, la responsabile e curatrice dell’Archivio Mara Vincenzi Tassi, il critico d’arte Gianni Cerioli, la docente dell’istituto d’arte Dosso Dossi Federica Zabarri curatrice dell’archivio e l’artista Andrea Samaritani curatore della campagna fotografica concernente le opere di Carlo Tassi.

Terzo e ultimo appuntamento alle 16:30 con il vernissage della mostra “Tracce” sempre nella Residenza Municipale. Dove fino al 7 gennaio 2019 si potranno ammirare una trentina di dipinti a olio fra i più significativi del Maestro bondenese, dalla fine degli anni Settanta al primo decennio Duemila.

Il percorso della mostra si sviluppa a partire da un ciclo di grandi opere di notevole impatto visivo ed emotivo: uomini e donne nella loro condizione esistenziale, dipinti dai forti contrasti chiaroscurali che caricano le immagini di significati etici e morali. Nella seconda parte è invece la natura a scorrere sulle tele del Maestro: paesaggi trasfigurati, alberi ramificati e spogli, elementi essenziali della creazione artistica di Tassi e raffigurazione archetipa dell’Uomo e di Cristo. Dipinti dai fondi grumosi e materici, immagini plastiche che si rivelano alla luce arrivando a toccare grammatiche che rasentano gli aspetti informali. Una poetica che sottolinea un cammino fatto di studio e di ricerca, testimone dell’impegno e della partecipazione di Tassi come artista e come uomo.

Gli eventi sono promossi e curati dallo Studio d’Arte “La casa del pittore” in collaborazione con il Comune di Bondeno.

La mostra sarà visitabile dal 1° dicembre al 7 gennaio 2019 negli orari di apertura degli uffici comunali.

1
Lascia un commento

avatar
1 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
0 Comment authors
Recent comment authors
  Subscribe  
Data (dal più recente) Data (dal più vecchio) I più votati
Avvisami
trackback

[…] IL POPOLO VENETO 27 novembre […]