lunedì
27 maggio 2019

11:13

Grande successo per “Il Trionfo del Colore”

Si conclude con un bilancio di 40.953 visitatori in 142 giorni di apertura la mostra Il trionfo del colore. Da Tiepolo a Canaletto e Guardi. Vicenza e i Capolavori dal Museo Pushkin di Mosca allestita a Palazzo Chiericati, Musei Civici di Vicenza e alle Gallerie d’Italia – Palazzo Leoni Montanari, museo di Intesa Sanpaolo, fino al 5 maggio 2019.  

Vicenza, 06 maggio 2019 – Si è conclusa domenica 5 maggio 2019 l’esposizione Il trionfo del colore allestita nelle sale del Museo Civico di Vicenza di Palazzo Chiericati e alle Gallerie d’Italia – Palazzo Leoni Montanari, aperta il 23 novembre 2018. Visto l’andamento straordinario e crescente della rassegna, la sua chiusura, inizialmente prevista per il 10 marzo 2019, era stata prorogata al 5 maggio su decisione congiunta del Comune di Vicenza, del Museo delle Belle Arti A.S. Pushkin di Mosca, dello sponsor e partner culturale Intesa Sanpaolo e del produttore MondoMostre.

Al termine dei 142 giorni complessivi di apertura della mostra, i visitatori sono stati 40.953, con una media giornaliera di oltre 270 ingressi.
 
Patrocinata dall’Ambasciata della Federazione Russa in Italia e dall’Ambasciata d’Italia a Mosca, l’esposizione Il Trionfo del Colore è stata frutto della curatela di Victoria Markova, capo Dipartimento di cultura italiana del Museo Pushkin, insieme al Prof. Stefano Zuffi, storico dell’arte. La mostra ha offerto la possibilità di ammirare, finalmente riuniti, oltre sessanta capolavori della grande stagione settecentesca dell’arte veneta. Capolavori come L’Immacolata Concezione e La Verità svelata dal Tempo di Giambattista Tiepolo e L’Estasi di San Francesco di Giambattista Piazzetta, ma anche le vedute di Bellotto e di Canaletto come Il ritorno del Bucintoro all’approdo di Palazzo Ducale e le fantasie architettoniche di Francesco Guardi.

Il pregio di aver avuto a Vicenza opere del Settecento Veneto, provenienti dal Museo Pushkin di Mosca, è stato accentuato dal dialogo con le opere di Tiepolo, Ricci e Guardi di proprietà dei Musei Civici, che finalmente sono tornate a poter essere ammirate nella sede di Palazzo Chiericati dopo dieci anni di ricovero nei depositi. Il progetto bilaterale tra Italia e Russia è stato valorizzato inoltre dalla sede espositiva di Intesa Sanpaolo, le Gallerie d’Italia – Palazzo Leoni Montanari, con la sua straordinaria collezione permanente di pittura veneta (con opere di Longhi, Guardi, Carlevarijs). Nell’ottica di valorizzazione territoriale, sono stati coinvolti nel percorso espositivo palazzi e ville di Vicenza e dintorni, in un ideale proseguimento del racconto artistico: il Palladio Museum, Villa Valmarana ai Nani, Villa Cordellina e Villa Zileri, “Patrimonio dell’Umanità”.

“Il successo di una mostra di dimensione internazionale, per i contenuti e le istituzioni coinvolte, come Il Trionfo del Colore, conferma la vitalità delle Gallerie d’Italia di Vicenza, sempre più capaci di proporre percorsi espositivi originali in dialogo con i principali musei del mondo” – commenta Michele Coppola, Executive Director Arte Cultura e Beni Storici, Intesa Sanpaolo – “Lo testimonia anche la nuova mostra Mito, con cui proseguono i festeggiamenti per i vent’anni dall’apertura della prima sede museale della nostra Banca, che valorizza le stupefacenti decorazioni di Palazzo Leoni Montanari e le raccolte d’arte di proprietà, insieme a straordinari prestiti provenienti da importanti collezioni italiane e internazionali”.

Il Trionfo del Colore è stata una straordinaria avventura visiva che ha consentito di percepire pienamente una grande stagione che ha visto l’arte veneta essere esempio assoluto di maestria e bellezza. 

Lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Avvisami