lunedì
24 settembre 2018

19:26

Un libro in rete: Nuove imprese

Stasera mercoledì 28 marzo 2018, alle ore 20.30, presso Palazzo Festari, Corso Italia n.63 – Valdagno (VI) sarà presentato il libro “Nuove imprese. Chi sono i champions che competono con le global companies” (Egea, 2018) di Filiberto Zovico. Insieme all’autore interverranno alcuni “champions”: Francesco Battistella “Amer Group”, Giovanni Ferrari “Brevetti CEA”, Pietro Federico Delaini “Campeggio bella Italia”. L’incontrò sarà introdotto e coordinato da Roberta Bassan de “Il Giornale di Vicenza”.

Per informazioni: info@guanxinet.itwww.guanxinet.it tel. 0445 406758 in collaborazione con Libreria De Franceschi snc Valdagno (VI) tel. 0445 412877

Dopo aver letto “Nuove imprese” (Egea, 2018) di Filiberto Zovico viene voglia di aprire un’attività imitando gli esempi di successo raccontati nel libro e facendo tesoro dei tanti consigli forniti.

Tra i champions non ci sono i nomi degli imprenditori festaioli e spendaccioni, ma i fautori dell’impresa democratica che ha saputo affrontare e superare la grande crisi cominciata nel 2007 e non ancora del tutto finita, senza per questo perdere il cosiddetto “volto umano”, il rispetto della dignità dei lavoratori e l’attenzione verso i clienti con l’offerta di prodotti di qualità.

Anche se la via del successo appare semplice non tutti sono destinati a diventare champions. Spesso chi si trova alla guida di un’azienda, dopo qualche buon risultato, pensa di aver acquisito il metodo, applicabile a qualsiasi settore. In preda alla megalomania l’imprenditore vuole espandersi con nuove acquisizioni senza alcuna relazione con la sua attività. Di solito questo è l’inizio della fine.

Invece i champions preferiscono reinvestire gli utili nella loro azienda, valorizzare sia le competenze artigianali che  le nuove tecnologie ed offrire ai clienti prodotti unici e riconoscibili, quindi inimitabili.

Non siamo in campo italiano, ma vorrei fare un esempio. Nei giorni scorsi, comprando la “riedizione” della mitica fotocamera Polaroid mi è venuto in mente il libro di Zovico. Vi spiego subito perché. La multinazionale americana specializzata in fotografia – fondata nel 1937 da Edwin H. Land – entrò in crisi nei primi anni 2000 con l’avvento del digitale. Nel 2014 un gruppo di imprenditori europei, denominato “Impossible”, formato da ex dipendenti dell’azienda ed appassionati di fotografia istantanea, acquistò il noto brand (modificato poi in Polaroid Originals) e fece ripartire, nell’originale fabbrica olandese, la produzione di pellicole e poi quella di fotocamere, tra cui la seconda versione della “One step”, che – detto tra noi – è uno spettacolo solo a guardarla… In tempi di persone alienate davanti agli schermi dei computer o degli smartphone, i champions olandesi hanno capito che c’è un mercato della nostalgia dell’era pre-photoshop e pre-digitale, quando tutto era più autentico e non  si poteva ritoccare, selezionare o cancellare. “Perfect imperfection” è lo slogan della nuova Polaroid e non poteva essere migliore.

Stesso concetto vale per il ritorno dei vinili, per chi vuole ascoltare musica di qualità, e ancora il ritorno dei vecchi cellulari Nokia (sì proprio quelli indistruttibili e con la batteria a lunga durata) così diversi da quelli di oggi che fanno di tutto e di più ma dopo un paio d’anni bisogna gettarli.

A volte osare, anche quando la missione sembra “impossible”, paga. 

Questi sono solo alcuni esempi di chi, controcorrente, vuole puntare su settori di nicchia. Ma non c’è bisogno di andare lontano per scoprire realtà produttive interessanti. Alle porte di Vicenza troviamo “Brevetti CEA”, azienda che produce sistemi automatici di controllo ottico-elettronico per l’industria farmaceutica. A Valdagno opera “Amer”, un’azienda produttrice di motori elettrici, che si è data una struttura verticale e cerca di produrre il più possibile entro il perimetro aziendale. “Bella Italia” invece ha puntato sul turismo organizzando campeggi di lusso super attrezzati.

L’unico rischio per i champions è quello di correre troppo avanti rispetto ad una politica, specie quella uscita dalle recenti elezioni, che appare oggettivamente inesperta ed in stato confusionale, comunque inadeguata a sostenere le grandi sfide del futuro. Ma i veri champions sapranno farcela anche questa volta perché sono dei vincenti per natura. (e.b.)


NUOVE IMPRESE
Chi sono i champions che competono con le global companies

di Dario Di Vico (dalla prefazione del libro): Se adottiamo la geometria del trapezio è difficile per ora collocare i champions; onestamente è arduo dalle cose che sappiamo individuarne la traiettoria, mentre quello che si può sicuramente dire è che rappresentano una nuova occasione per il capitalismo italiano. Nessuno si illude su una palingenesi ma potremmo cercare quantomeno di non ripetere alcuni degli errori che abbiamo commesso in passato con le imprese emergenti del tempo e due mi sembrano i punti che, anche nel contesto della prefazione a un libro, meritano di essere sottolineati.

Il rapporto con capitali pazienti esterni alle famiglie proprietarie è sicuramente il primo, parlo di capitali che sappiano – specie in una fase caratterizzata dal ripensamento del banking moderno – offrire occasioni, spianare strade, abbattere vincoli e rispettare le persone e i loro tempi di maturazione. Il secondo riguarda il capitale umano, la possibilità da parte delle imprese di attingere a un mercato del lavoro consapevole e che proprio per questo sappia sfornare in tempo quelle competenze e quei profili che la trasformazione dello stesso modus operandi delle aziende richiede. Con urgenza.


Filiberto Zovico, fondatore di ItalyPost,  il portale di approfondimento sul mondo delle imprese e dei territori che promuove anche numerosi Festival quali il Città Impresa di Bergamo e Vicenza, il Galileo Festival dell’Innovazione di Padova, Trieste Next dedicato alla ricerca scientifica, il Festival della Green Economy di Trento, Open Factory e We Food. Dal 2016 ItalyPost realizza ricerche e incontri sulle aziende champion. Negli anni precedenti la Post Editori di cui Filiberto Zovico è amministratore unico, ha lanciato la rivista NordestEuropa e il portale VeneziePost.

Roberta Bassan, giornalista della pagina economica de “Il Giornale di Vicenza”.

I Champions presenti all’incontro:

Francesco Battistella AMER SPA www.amer.it/it

Giovanni Ferrari BREVETTI SPA www.brevetti-cea.com

Pietro Federico Delaini  CAMPEGGIO BELLA ITALIA www.camping-bellaitalia.it

Lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Avvisami