domenica
19 agosto 2018

15:31

Commercialisti: La scissione negativa, ammissibilità civilistica e profili contabili

Il documento pubblicato sul sito della Fondazione esamina una questione molto dibattuta da parte della dottrina e della prassi notarile. In merito alla legittimità, gli aspetti più discussi hanno riguardato: l’effettività del valore economico positivo dei beni assegnati nonché la possibilità che la società beneficiaria sia preesistente o di nuova costituzione

Il Consiglio e la Fondazione Nazionale dei Commercialisti hanno pubblicato oggi il documento La scissione negativa: ammissibilità civilistica e profili contabili.

Con tale accezione si è soliti qualificare una scissione atipica con cui viene assegnato, a una (o più) società beneficiarie, un insieme di elementi patrimoniali attivi e passivi con valore contabile netto negativo, distinguendo i casi in cui il patrimonio scisso sia contabilmente negativo ma con valore “reale” positivo, da quello in cui l’assegnazione riguardi elementi patrimoniali di valore sia contabile che economico negativo.

Il documento, dopo aver esaminato le due fattispecie e aver ricostruito gli orientamenti della dottrina dando evidenza delle prassi in uso, condividendo la posizione di quanti non ravvisano motivi ostativi per il riconoscimento della validità di un’operazione di scissione negativa a valore reale positivo, nonché per l’ammissibilità e la fattibilità della medesima anche sotto il profilo tecnico contabile, avanza qualche dubbio in ordine alla particolare e maggiormente complessa vicenda connessa all’operazione di scissione negativa a valore reale nullo o negativo, difficilmente giustificabile sia sotto il profilo giuridico che sotto quello contabile ed economico.

Nel dettaglio lo studio dopo una premessa, è suddiviso in sette capitoli: le forme di scissione, la scissione negativa, ammissibilità civilistica della scissione negativa a valore reale positivo, scissione negativa a valore reale negativo, gli aspetti contabili della scissione negativa, la determinazione del valore effettivo del patrimonio trasferito e il rapporto di concambio. Conclude un approfondimento sul tema della quantificazione dell’aumento del capitale sociale e il disavanzo di scissione. 

Il documento completo è disponibile online sul sito della Fondazione Nazionale dei Commercialisti (www.fondazionenazionalecommercialisti.it).

Lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Avvisami