giovedì
25 aprile 2019

06:00

Morti sul lavoro 2019: Il 34% sono stranieri

Il decremento della mortalità sul lavoro in Italia nel primo mese del 2019 è significativo: – 34,3%. ma a fare da contraltare a questo dato è la percentuale di vittime straniere: Il 34% del totale. Si compone così un’altra demografia del fenomeno e un’altra emergenza. 

Così Mauro Rossato, Presidente dell’Osservatorio Sicurezza sul Lavoro Vega di Mestre, commenta: “Una nuova emergenza, quella della sicurezza dei lavoratori immigrati con cui il nostro Paese deve fare i conti, velocemente, dalla formazione all’aggiornamento”.

Sono 44 le vittime sul lavoro rilevate in Italia a Gennaio 2019 (erano 67 nel 2018). 15 gli stranieri coinvolti in un infortunio mortale (erano 7 lo scorso anno).

I numeri raccontano finalmente un decremento significativo della mortalità sul lavoro nel Paese. A gennaio 2019, infatti, i decessi sono stati 44 contro i 67 del 2018. Ma, a fare da contraltare a questa ‘flessione’ (-34,3%) c’è una nuova emergenza che si rivela nei dati. Ovvero le vittime straniere: il 34% sul totale degli infortuni mortali rilevati a gennaio (15 su 44 per la precisione)”.

E’ la prima riflessione di Mauro Rossato, Presidente dell’Osservatorio Sicurezza sul Lavoro Vega di Mestre, sull’ultima indagine condotta dal suo team di esperti sulla base dei più recenti dati INAIL.

E così, insieme all’analisi degli infortuni mortali della Penisola, si profila una nuova demografia dell’insicurezza.

Una società sempre più multietnica impone un’integrazione non solo dal punto di vista sociale e lavorativo – sottolinea l’Ing. Rossato – ma anche un’integrazione fondamentale sul fronte della sicurezza sul lavoro. E, ci auguriamo – prosegue il Presidente – che questa mappatura dell’emergenza porti alla diffusione di una nuova sensibilità soprattutto tra i datori di lavoro che contano tra i propri dipendenti anche collaboratori stranieri”.

Intanto, in testa alla graduatoria nazionale per numero di vittime all’inizio del nuovo anno c’è la Lombardia, con 10 infortuni mortali totali sul lavoro.

Sul podio anche Veneto (5) e Sicilia (4). Seguono: Piemonte, Emilia Romagna, Lazio e Toscana (3), Umbria, Puglia e  Calabria (2). E Abruzzo, Trentino Alto Adige, Marche, Molise, Liguria, Campania, Basilicata (1).

Ad indossare, invece, la maglia nera nella classifica provinciale nel primo mese 2019 sono Mantova e Roma con 3 vittime.

Le fasce d’età più colpite – che costituiscono oltre la metà di tutte le morti sul lavoro – sono comprese tra i 45 e i 64 anni.

Il settore più colpito per numero di casi di morte in occasione di lavoro non è determinato dall’INAIL e registra 17 casi. Seguono, trasporto e magazzinaggio (4 casi) e commercio all’ingrosso e al dettaglio, riparazione di autoveicoli e motocicli (3 casi).


Scarica Statistiche Nazionali

Scarica Statistiche Province

Lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Avvisami