domenica
16 dicembre 2018

12:27

Fita Veneto Teatro Amatori 31° Festival nazionale Maschera d’Oro: I finalisti

Scelte le sette finaliste del 31° Festival Nazionale “Maschera d’Oro”: In arrivo da Campania, Lombardia, Trentino – Alto Adige, Sicilia e Veneto fra grandi classici, sguardi sul Novecento e allegria del musical. La kermesse è organizzata dal Comitato veneto della Federazione Italiana Teatro Amatori  

Arriveranno da Campania, Lombardia, Trentino – Alto Adige, Sicilia e Veneto le sette compagnie finaliste alla 31ª edizione del Festival nazionale “Maschera d’Oro”, la kermesse organizzata dal Comitato veneto della Federazione Italiana Teatro Amatori (Fita) con Regione del Veneto, Comune di Vicenza, Il Giornale di Vicenza e Confartigianato provinciale e con il patrocinio, tra gli altri, di Ministero dei Beni e delle Attività culturali, Amministrazione Provinciale di Vicenza e Fita nazionale.

A sfidarsi al San Marco di Vicenza, tra il 9 febbraio e il 23 marzo, come sempre il sabato sera alle 21, saranno dunque: Teatro dei Dioscuri dalla provincia di Salerno, con “Uomo e Galantuomo” di Eduardo De Filippo, regia di Antonio Caponigro; Gruppo Giovani 2000 di Rezzato, in provincia di Brescia, con “Nel regno di Oz” da “Il meraviglioso mago di Oz” di Lyman Frank Baum, regia di Alessandra Portesi e Gisella Brunetti; Soggetti Smarriti di Treviso con “Tramonto” di Renato Simoni, regia di Franco Demaestri; G.A.D. Città di Trento con “Oh… che bella guerra!” di Luigi Lunari, regia di Alberto Uez; La Ringhiera di Vicenza con “Sei personaggi in cerca d’autore” di Luigi Pirandello, regia di Riccardo Perraro; Nuovo Teatro Stabile Mascalucia, dalla provincia di Catania, con “Yerma” di Federico Garcìa Lorca, regia di Massimo Giustolisi e Giuseppe Bisicchia; La Barcaccia di Verona con “La serva amorosa” di Carlo Goldoni, regia di Roberto Puliero. La serata di premiazioni, accompagnata da uno spettacolo fuori concorso, si terrà sabato 30 marzo, sempre al San Marco, con la proclamazione della compagnia vincitrice della “Maschera d’Oro” e dei premi individuali e collettivi in palio, cui si affiancheranno, come tradizione, il premio di critica “La Scuola e il Teatro” per gli studenti delle scuole superiori e il “Renato Salvato” per la diffusione della cultura teatrale. La formazione che “indosserà” la “Maschera”, inoltre, si aggiudicherà anche l’abbinato Premio “Faber Teatro”, promosso da Confartigianato Vicenza e giunto quest’anno alla 25ª edizione: un riconoscimento particolarmente ambito, perché consente alla compagnia vincitrice di esibirsi per una sera sullo storico palcoscenico dell’Olimpico di Vicenza, teatro coperto più antico del mondo.

Ricco e variegato come sempre il cartellone della kermesse, che quest’anno darà particolare spazio ai gandi classici della drammaturgia, dall’effervescenza di Carlo Goldoni al lirismo di Renato Simoni, dal Novecento d’autore di Eduardo De Filippo e Luigi Pirandello ai colori forti della Spagna più ancestrale e sanguigna di Federico Garcia Lorca, passando attraverso la caustica ironia di Luigi Lunari e lo scintillante e travolgente universo del grande musical. 

Gli abbonamenti sono in vendita nella sede di Fita Veneto, in stradella delle Barche 7 a Vicenza (tel. 0444 324907, al mattino, dal lunedì al venerdì) allo stesso prezzo dell’anno scorso: 70 euro gli interi, 60 i ridotti; invariati anche i biglietti, a 10 euro gli interi e 8.50 i ridotti. Fino al 6 gennaio, inoltre, per un originale regalo natalizio, tutti gli abbonamenti saranno acquistabili al prezzo dei ridotti.

Lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Avvisami