domenica
26 maggio 2019

03:55

Appello al Voto del “Comitato per il SI della Sinistra Polesana per il Rinnovamento”

Riceviamo dal Comitato per il Si della Sinistra Polesana per il Rinnovamento e pubblichiamo:

A pochi giorni dal voto, pur rispettando tutte le opinioni anche le più distanti dalle nostre, ribadiamo il nostro punto di vista.

In settant’anni si sono succeduti sessantatre governi (dodici tra l’agosto 1979 e il marzo 1991). L’instabilità politica e una “certa lentezza” sono una caratteristica della nostra democrazia.

Ora se l’instabilità non è imputabile alla carta costituzionale ma ai partiti politici, certamente la presenza nel nostro ordinamento delle due Camere ha avuto “una funzione ritardatrice della procedura legislativa”.

Non è un caso che da trent’anni si cerca di superare il bicameralismo paritario e di rafforzare le capacità di decisione del sistema democratico.

Oggi siamo di fronte a una modifica che punta a adeguare e ammodernare la sola seconda parte della costituzione per renderla più funzionale, con l’obbiettivo di tenere insieme la rappresentatività e la stabilità.

Il referendum di domenica essenzialmente questo che stabilisce: La camera dei deputati è titolare del rapporto di fiducia con il Governo ed esercita la funzione di indirizzo politico, la funzione legislativa e quella di controllo dell’operato del Governo; il Senato rappresenta Comuni, Città Metropolitane e Regioni.

Cura il rapporto Stato-Regioni e concorre anche al raccordo con l’Unione Europea.

E’ bene ricordare che il programma di governo che il P.d.S. propose sin dalle elezioni del 1994 prevedeva: “il superamento del bicameralismo paritario attribuendo alla Camera le funzioni proprie dell’Assemblea Nazionale e all’altra quelle di una Camera delle Regioni”.

In nessun Paese Europeo, salve qualche piccolo o piccolissimo dei 27, ha un senato legislativo, tantomeno l’Inghilterra ora uscita dall’U.E.:  Li c’è una Camera dei Lord, nominata dalla Corona, cioè dal Primo Ministro con la firma del Sovrano, che può solo formulare pareri.

Trasformare il Senato allarga gli spazi di democrazia: Se il sistema è più snello le politiche e i programmi votati dai cittadini possono affermarsi meglio.

Secondo noi questa è la vera posta in gioco: Il superamento del bicameralismo paritario.

Però oggi occorre avere la consapevolezza che è necessario VOTARE SI per aprire un nuovo futuro all’Italia.

Lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Avvisami