venerdì
22 marzo 2019

11:46

Piccoli Palcoscenici 2018: Fino al 7 giugno è di scena la Sezione Giovani

Teatro Momo con Piccoli Palcoscenici

Piccoli Palcoscenici, promosso dal Settore Cultura del Comune di Venezia in collaborazione con Arteven Circuito Teatrale Regionale, approda alla seconda ed ultima fase del concorso e porta sul palcoscenico del teatro Momo, fino al 7 giugno, gli spettacoli della sezione dedicata agli esiti finali dei laboratori dei giovani.

Martedì 29 maggio i giovani del laboratorio Stabilimento teatrale Officine Pinelli di Spinea, diretti da Roberta Borghi, presentano The farm. La fattoria, un lavoro liberamente ispirato alla Fattoria degli animali di G. Orwell, un’analisi acuta e con diverse sfumature comiche di quel che può accadere, dentro se stessi e nel mondo esterno, delegando le proprie libertà a un potere costituito. Mercoledì 30 maggio, con Tableau, i ragazzi del laboratorio Oltre il Sipario del Centro diurno U.L.S.S. 4 di San Donà di Piave, condotti da Walter Sabato, presentano uno spettacolo centrato su alcuni quadri celebri di artisti famosi, “reinterpretati” sulla scena usando le forme inconsuete degli attori, i loro movimenti, i loro colori, usando “l’inevitabilità della disabilità” come formidabile risorsa creativa, attraverso un gioco di specchi e di riflessi nel quale l’attore imita l’unica cosa veramente imitabile: se stesso.

Da lunedì 4 a giovedì 7 giugno Piccoli Palcoscenici prosegue con i saggi degli ultimi 4 laboratori di giovani (inizio sempre alle 21): lunedì 4 giugno va in scena Theater Macht Frei, promosso dal gruppo Theatro In Jeans di Cavallino Treporti, una riflessione sulla libertà ispirata a una rilettura del Diario di Anna Frank. Martedì 5 è la volta di Prospero e Caliban. Il tempo e la storia con il contributo dell’Associazione Marca Trevigiana di Roncade; mercoledì 6 tocca a I Want To Brecht Free a cura di Stivalaccio Teatro di Padova, una messa in scena de L’opera da tre soldi di Bertold Brecht. Giovedì 7 giugno Shakespeare R-Evolution, l’ultimo lavoro proposto, è il risultato di un percorso di ricerca e di esplorazione dell’immaginario shakespeariano che coinvolge, attraverso la recitazione, la danza e la musica, i ragazzi del Laboratorio Attraverso della Civica Scuola di Musica, Danza e Teatro e DDDance School di Chiavenna. Nella serata conclusiva di venerdì 8 giugno va in scena un atteso e coinvolgente lavoro fuori concorso. Attraverso lo specchio, ovvero L’alfabeto del teatro!, una produzione originale della Compagnia Pantakin Commedia, offre un “gioco teatrale” che rilegge il mondo con la leggerezza e l’estro creativo delle intuizioni migliori di Pantakin, coadiuvati nella regia e scenografia da Marcello Chiarenza. A seguire, la Premiazione finale del concorso.

Lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Avvisami