martedì
22 gennaio 2019

00:48

Atletica paralimpica: presentati a Jesolo i Societari 2018. Tapia, Bagaini e Gastaldi i big

La città di Jesolo accoglie a braccia aperte una delle tradizionali tappe annuali di Atletica paralimpica, ospitando i Campionati Italiani di Società allo Stadio Armando Picchi.

Sabato 6 e domenica 7 ottobre, 20 club con 98 atleti provenienti da tutta la penisola aspireranno a conquistare i quattro titoli di campione d’Italia nel settore assoluto e promozionale per la categoria maschile e femminile.

Le società di Sardegna Sport ed Handy Sport Ragusa saranno chiamate a difendere gli scudetti tricolori conquistati a Cagliari l’anno scorso, rispettivamente tra gli uomini e le donne. La classifica per l’assegnazione dei titoli prenderà in considerazione i punteggi delle due prove territoriali precedenti che poi verranno sommati ai risultati ottenuti nella finale nazionale di Jesolo.

A livello individuale saranno presenti alcuni degli atleti che hanno dato lustro alla maglia azzurra in occasione degli Europei di Berlino di agosto.

Su tutti spicca il nome di Oney Tapia, in gara con l’Omero Runners Bergamo. Il lanciatore italo-cubano si è distinto nella rassegna continentale con due ori e un record del mondo da 46,07 nel disco F11. Da Berlino lo sprinter Riccardo Bagaini (Sempione 82) di medaglie ne ha portate a casa tre: un argento nella staffetta 4×100 amputati, e due bronzi nei 200 T47 e nella staffetta universale, vinto anche con il contributo in ultima frazione di Diego Gastaldi (Sport No Limits Firenze).

L’atleta di corsa in carrozzina parteciperà a quattro gare tra cui gli 800 T53, distanza che gli ha regalato la seconda medaglia di bronzo agli Europei. Lo scorso weekend a Velletri, Gastaldi ha fatto scendere il record italiano dei 100 a 15.92 e dei 400 a 51.39.

Sempre per la corsa in carrozzina ci sarà anche Farhan Hadafo Adawe (Dilettantistica Novara) tornerà a cimentarsi nelle specialità dei 100 T52, dove ha ottenuto un prestigioso terzo posto continentale, nei 200 e 400.

La velocista T13 Carlotta Bertoli, componente della staffetta universale da podio, sarà alla partenza dei 100, 200 e 400 a caccia di punti per la società Veneto Special Sport.

In pista sarà presente anche Luca Campeotto (Atletica 2000), quarto posto a Berlino per lui nei 200 T62.

La pedana del lungo lascerà spazio al bronzo europeo T63 Marco Pentagoni (Dilettantistica Novara) e a Francesca Cipelli (Veneto Special Sport) che ha mancato il podio T37 solo per due centimetri.

FISPES Academy, l’Accademia giovanile di Atletica paralimpica, sarà rappresentata da Mattia Cardia, nello sprint T13 per conto del Sardegna Sport, Nicholas Zani (Sempione 82) nella corsa in carrozzina T33 e Marianna Agostini (Veneto Special Sport) iscritta alla velocità e al lungo T12. A Jesolo figura anche il compagno di squadra Giandomenico Sartor, fresco recordman dei 400 T54 (49.52).

I Societari, realizzati con il patrocinio ed il contributo della Città di Jesolo ed il supporto logistico di Jesolo Patrimonio, coincidono con il quarto e penultimo appuntamento della Coppa Italia Lanci 2018 dopo gli Assoluti Invernali Lanci di Ancona e le due prove territoriali.

Nel corso della conferenza stampa di presentazione dei Campionati, il Presidente FISPES Sandrino Porru ha dichiarato: “Siamo a chiusura di una grandiosa stagione per l’Atletica paralimpica che trova il suo naturale epilogo nei Societari. Oltre alle prestigiose 17 medaglie conquistate agli Europei, l’aumento di atleti e club partecipanti a quest’appuntamento agonistico è indice di un trend positivo di crescita delle società e della loro attività capillare nel territorio. La maggiore offerta di praticare sport paralimpici, in particolare l’Atletica, per persone con disabilità ci rende fieri del lavoro svolto fin qui”.

Il Sindaco di Jesolo Valerio Zoggia dà il benvenuto alle squadre: “Ancora sport e ancora atletica, Jesolo si avvia ormai alla sua definitiva consacrazione come città dove lo sport è di casa. Dopo i Campionati del Mediterraneo Under 23 che hanno visto la nostra località protagonista, l’atletica torna sul nostro litorale con i Societari paralimpici che si presentano come la perfetta occasione per dimostrare una volta di più come Jesolo sia una realtà inclusiva e aperta a tutti. Non possiamo che essere felici di poter ospitare questo evento, inorgogliti anche dalla presenza di atleti veneti e di campioni che hanno ottenuto importanti risultati ai recenti Europei di Berlino, tenendo alto il nome dell’Italia. A tutti gli atleti un grande in bocca al lupo”.

Programma orario

http://fispes.it/showquestion.php?faq=1&fldAuto=1704

Sintesi Categorie Funzionali
http://www.fispes.it/showquestion.php?faq=1&fldAuto=137

Risultati Societari – Cagliari 2017

Classifica Assoluta Maschile
ASD Sardegna Sport, punti 20.059

GSH Sempione 82 ASD, punti 17.520
ASD Omero Runners Bergamo, punti 17.139

Classifica Assoluta Femminile
Handy Sport Ragusa, punti 10.459
Veneto Special Sport SSD, punti 8858
AS Gela Sport, punti 5458

Classifica Promozionale Maschile
ASD Sardegna Sport, punti 29662
GSH Sempione 82 ASD, punti 26291
ASD Omero Runners Bergamo, punti 17357

Classifica Promozionale Femminile
Handy Sport Ragusa, punti 16.645
Veneto Special Sport SSD, punti 10.383
AS Gela Sport, punti 9172


Tutti in pista’ vince il bando OSO – Ogni Sport Oltre di Fondazione Vodafone Italia

Il progetto FISPES ‘Tutti in pista’ è stato selezionato tra i 23 vincitori del bando OSO – Ogni Sport Oltre promosso da Fondazione Vodafone Italia.

L’edizione 2018 prevede lo stanziamento di 2 milioni di euro tra le associazioni che si sono distinte tra le 600 partecipanti e premia così un’idea progettuale relativa all’Atletica paralimpica, una delle discipline di competenza federale.

Con l’obiettivo primario di avvicinare le persone con disabilità allo sport, focus della community OSO, ‘Tutti in pista’ intende lanciare una rivoluzionaria carrozzina versatile ideata dall’Università di Bergamo econcepita per l’avviamento di giovani alla pratica dell’Atletica leggera, con particolare riferimento alla corsa in carrozzina che negli ultimi anni ha registrato un notevole calo di pratica. In specifico, la FISPES vuole creare cinque poli regionali di riferimento (Friuli Venezia Giulia, Lombardia, Emilia Romagna, Veneto e Campania) in cui sarà possibile trovare personale tecnico qualificato e attrezzature specifiche per permettere ai neofiti di sperimentare questa specialità.

Verranno fornite in comodato d’uso gratuito alle società affiliate dieci innovative carrozzine da corsa definite “versatili” in quanto potranno essere adattate alla crescita fisica della persona. L’idea di fondo è che quella di utilizzare la stessa carrozzina per soggetti con diverse caratteristiche fisiche e di disabilità, modificando e regolando l’allargamento della seduta, l’assetto, la traslazione delle ruote e la variazione dei mancorrenti in base alle caratteristiche degli utilizzatori.

Ad oggi la carrozzina da corsa tradizionale ha avuto un uso limitativo perché viene costruita su misura in base alle caratteristiche personali dell’atleta e l’attrezzatura necessaria (carrozzina e guanti) richiede un ingente disagio economico da parte della famiglia o della società prima ancora di testarla.

Il progetto è rivolto a soggetti con: tetraplegia e paraplegia con lesioni midollari tra C5-6, C7-8, T1-7, T8-S4 ed equivalenti (spina bifida, poliomelite, amputazione); importanti cerebrolesioni che non permettono la deambulazione oppure la consentono con grande difficoltà.

Una volta terminata la fase promozionale, la Federazione si occuperà di seguire quegli atleti maggiormente competitivi a cui verrà proposto un percorso di sviluppo tecnico più incisivo rivolto alla pratica agonistica.

Il Presidente FISPES Sandrino Porru dichiara: “Sono particolarmente felice che la Fondazione Vodafone Italia abbia scelto il nostro progetto nell’ottica di ampliare le opportunità di pratica sportiva a categorie di disabilità che hanno possibilità limitate. Le carrozzine adattabili hanno una versatilità universale che ci permette di sostenere un forte percorso promozionale nell’Atletica paralimpica. A causa della crescita dell’alto livello e i costi importanti delle carrozzine personalizzate, la corsa in carrozzina sta sparendo dagli scenari nazionali. Con ‘Tutti in pista’ la FISPES intende cambiare tendenza e rilanciare fortemente questa specialità, portando le persone con disabilità ad avvicinarsi a tale pratica sportiva”.

Il Professor Sergio Cavalieri, Prorettore delegato al Trasferimento tecnologico, innovazione e valorizzazione della ricerca dell’Università degli Studi di Bergamo, dichiara:  “Il progetto di ricerca dedicato alla carrozzina sportiva versatile è la prova concreta di come un’idea, o per meglio dire il sogno di qualcuno, possa tradursi in una soluzione concreta e altamente innovativa grazie allo sforzo congiunto di ricercatori di più dipartimenti e centri di ricerca universitari e il sostegno di operatori del sistema economico e delle associazioni locali.  L’Università di Bergamo affianca alla ricerca e alla didattica la sua terza missione, promuovendo un’innovazione che in questo caso contribuisce anche all’inclusione degli atleti, rendendo un’attività sportiva non solo accessibile in termini pratici, ma anche economici grazie all’integrazione di un progetto ad alta componente tecnologica”.

Il consigliere delegato della Fondazione Vodafone Italia Maria Cristina Ferradini dichiara:”Lo sport è un diritto di tutti. È dalla consapevolezza che ancora troppi di noi non riescono ad accedere allo sport perché hanno disabilità particolari che nasce OSO, che vuole essere quindi un volano di questo diritto. Il progetto Tutti in Pista di FISPES rappresenta l’affermazione di questo diritto. Il progetto coniuga l’utilizzo di soluzioni innovative e competenze scientifiche con importanti caratteristiche quali la scalabilità (a livello nazionale e internazionale) e la replicabilitàche lo rendono unico nel suo genere.”

OSO – Ogni Sport Oltre, https://ognisportoltre.it/è la prima piattaforma digitale che mette in rete tutte le informazioni utili a chi vuole praticare sport in Italia e creare una comunità di utenti fra persone con disabilità, le famiglie, gli istruttori e i professionisti sportivi. Nella piattaforma si possono trovare tutte le informazioni utili per praticare sport, conoscere i centri sportivi più vicini per l’avviamento allo sport preferito e scoprire le storie emozionanti di chi attraverso lo sport è riuscito davvero a superare ogni barriera. La piattaforma è aperta a tutte le associazioni che vogliono far conoscere il proprio progetto e accedere ad una raccolta fondi da parte degli utenti della community.


Federazione Italiana Sport Paralimpici e Sperimentali – FISPES

La FISPES, Federazione Italiana Sport Paralimpici e Sperimentali, è una Federazione Sportiva Paralimpica riconosciuta dal Comitato Italiano Paralimpico che dal 2010 si occupa di promuovere e coordinare le attività sportive per persone con disabilità.

Le discipline di competenza della FISPES sono:

  • Atletica leggera paralimpica praticabile da soggetti di tutte le disabilità fisiche e sensoriali

  • Rugby in carrozzina praticabile da soggetti non deambulanti con tetraplegia

  • Calcio per disabili fisici (Calcio a 7 per cerebrolesi, Powerchair Football, Calcio Amputati)

Oltremodoltre, il pay-off della FISPES

Oltremodoltre vuole mostrare il connubio tra le gesta impensabili e sbalorditive dei nostri atleti con il confine illimitato delle opportunità che gli sport paralimpici offrono alle persone con disabilità.

È l’incitamento ad andare oltre qualsiasi pregiudizio, riacquistando la capacità di saper contare sulle infinite risorse dell’uomo in termini di abilità motorie e relazionali.

Davanti a qualunque prova della vita à possibile andare ‘doppiamente oltre’, superando i propri limiti e sfidando se stessi con le abilità di cui si dispone e ispirando gli altri. L’idea di fondo è di superare le barriere fisiche e mentali, e creare attraverso lo sport paralimpico una società migliore contro i tabù culturali limitanti.

Lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Avvisami