sabato
25 maggio 2019

17:08

“Tessiture / Trame”, al B55 workshop con la co-fondatrice del Teatro Settimo di Vacis Mariella Fabbris

Sabato 9 e domenica 10 febbraio al Polo Giovani di fronte al Teatro Astra la masterclass nell’ambito di “Fabbricateatro”, il laboratorio teatrale de La Piccionaia diretto da Ketti Grunchi. La proposta dedicata al teatro di narrazione, si rivolge ai giovani dai 14 anni e agli adulti, anche senza esperienza pregressa.

Vicenza – Si intitola “TESSITURE / TRAME” ed è dedicato al teatro di narrazione il quarto workshop intensivo organizzato da La Piccionaia nell’ambito di“Fabbricateatro”, il laboratorio teatrale diretto da Ketti Grunchi e realizzato in collaborazione con B55 e in connessione con il Teatro Astra. A condurre la masterclass, in programma per sabato 9 (dalle 14 alle 18) e domenica 10 febbraio (dalle 10 alle 17.30) al Polo Giovani B55, sarà un’artista d’eccezione: l’attrice Mariella Fabbris, tra i fondatori con Gabriele Vacis della compagnia di ricerca Laboratorio Teatro Settimo – artefice negli anni ‘80 e ‘90 di un profondo rinnovamento della scena italiana – per la quale è stata anche autrice e ideatrice degli allestimenti scenici. Una formazione, la sua, che si è sviluppata all’interno di alcune tra le più importanti esperienze teatrali internazionali, come lo storico Odin Teatret di Eugenio Barba e il progetto pedagogico-formativo parallelo Farfa; e ancora il C.R.S.T. di Pontedera, passando per maestri come Augusto Boal, fondatore del teatro dell’oppresso, e Yoshi Oida, collaboratore di due mostri sacri come Peter Brook e Peter Greenaway. Vastissima è la sua esperienza in ambito sociale e nel lavoro teatrale con i ragazzi. “Noi siamo esseri narrativi, biografici – spiega -. Sentiamo la necessità di segnalare al mondo la nostra esistenza. Non ci accontentiamo semplicemente di essere, ma diventiamo ciò che siamo nel momento in cui troviamo uno spazio all’interno della Storia, lasciando segni, ovvero narrazioni. Vivere significa quindi tessere una storia, una trama, e riuscire a comprendersi come soggetto, individuale e collettivo, di questa storia. Nessuna esperienza può dirsi per l’uomo pienamente vissuta, finché non viene espressa attraverso la ‘parola’ scritta, narrata, dipinta o musicata. Come uomini e donne però, non sentiamo solamente il bisogno di raccontarci, ma anche il bisogno di comprendere dal racconto di altri come è fatta la vita. Per quanto oggi possa sembrare superato dai mezzi di comunicazione contemporanei che assorbono e bruciano nell’istante la relazione con gli altri, il valore formativo della narrazione è insostituibile”.

La masterclass è dedicata ai giovani dai 14 anni e agli adulti, anche senza esperienze o competenze artistiche pregresse: è sufficiente aver voglia di mettersi in gioco e di esplorare nuovi strumenti espressivi attraverso il teatro. I partecipanti indosseranno abiti comodi, oppure scomodi, e porteranno oggetti che li possano aiutare a raccontare qualcosa di sé stessi.

“Durante il laboratorio – continua l’attrice – ciascuno potrà raccontare di sé, ma chiedo fin d’ora ai partecipanti di cercare alcune parole e di portarle con sé: letterarie, poetiche, del cinema, o testimonianze di vita di persone che avete intorno. Occorrono brevi frasi significative, che possano evocare, smuovere, rimuovere qualcosa che fa parte di sé. Quando saremo insieme, indagheremo il ‘sé’ con il ‘noi’. Prestate al sogno le parole per dire, evocare, e poter dare una visione d’insieme di chi siamo oggi, in questa scatola che è il Teatro”

Il costo della masterclass è di 75 euro (65 euro per i corsisti di Fabbricateatro, gli under30 e gli abbonati a Terrestri 18/19).  Acquistabili anche attraverso voucher 18App.

Per informazioni e iscrizioni: Ufficio Teatro Astra, Contrà Barche 55 (Vicenza), telefono 0444 323725, email info@teatroastra.itwww.teatroastra.it/fabbricateatro

Lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Avvisami