domenica
19 maggio 2019

08:38

8 Marzo in Turchia e Israele: La repressione è all’ordine del giorno

di Gianni Sartori

L’8 marzo degli scorsi anni in Turchia si aveva come l’impressione di una maggiore – per quanto minima – “tolleranza” nei confronti delle manifestazioni.

Una sorta di tacito accordo per cui la polizia fingeva di non vedere gli striscioni e i cartelli con le scritte antigovernative, di non udire gli slogan.

Anche dopo lo sgangherato “golpe” del 2016.

Ma non quest’anno.

I raduni previsti erano decine nel paese. A Istanbul, sin dal primo pomeriggio, la polizia aveva preventivamente bloccato la centrale strada pedonale Istiklal dove in serata doveva svolgersi una delle principali manifestazioni.

I manifestanti – diverse migliaia di persone – sono stati brutalmente dispersi con proiettili di plastica e lacrimogeni.

Analogamente, in novembre, una manifestazione femminista era stata attaccata e dispersa con gli stessi metodi.

Identica storia, se non peggio, in Palestina.

A Gaza l’8 marzo un manifestante palestinese – Tamer Arafat – è stato ammazzato e altri 42 sono rimasti feriti. Contro di loro i soldati israeliani avevano aperto il fuoco durante le ricorrenti proteste alla frontiera. Tra i feriti: due donne, 15 bambini, quattro paramedici (addetti alle ambulanze di soccorso) e due giornalisti.

Ordinaria amministrazione.

Lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Avvisami